Dal Vangelo secondo Luca:

Uno dei farisei lo invitò a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, venne con un vasetto di olio profumato; e fermatasi dietro si rannicchiò piangendo ai piedi di lui e cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di olio profumato. A quella vista il fariseo che l'aveva invitato pensò tra sé. "Se costui fosse un profeta, saprebbe chi e che specie di donna è colei che lo tocca: è una peccatrice". Gesù allora gli disse: "Simone, ho una cosa da dirti". Ed egli: "Maestro, di' pure". "Un creditore aveva due debitori: l'uno gli doveva cinquecento denari, l'altro cinquanta. Non avendo essi da restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi dunque di loro lo amerà di più?". Simone rispose: "Suppongo quello a cui ha condonato di più". Gli disse Gesù: "Hai giudicato bene". E volgendosi verso la donna, disse a Simone: "Vedi questa donna? Sono entrato nella tua casa e tu non m'hai dato l'acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio, lei invece da quando sono entrato non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non mi hai cosparso il capo di olio profumato, ma lei mi ha cosparso di profumo i piedi. Per questo ti dico: le sono perdonati i suoi molti peccati, poiché ha molto amato. Invece quello a cui si perdona poco, ama poco". Poi disse a lei: "Ti sono perdonati i tuoi peccati". Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: "Chi è quest'uomo che perdona anche i peccati?". Ma egli disse alla donna: "La tua fede ti ha salvata; va' in pace!".

Generalmente, "la peccatrice" è associata al nome di Maria Maddalena, perché fin dalle origini, nella Chiesa, si è ritenuto che si trattasse della stessa persona. A noi interessa marginalmente, perché se anche fossero state due persone distinte, sono comunque figure formidabili nei Vangeli. Maria Maddalena (o di Màgdala), viene esaltata da Gesù stesso, allorquando sceglie lei per la sua prima apparizione dopo la resurrezione; premio indubbiamente meritato da chi Lo seguiva sempre, senza badare ai disagi e ai pericoli. La troviamo, infatti, insieme a Maria SS. sotto la croce del Redentore, laddove di tutti gli Apostoli è presente il solo Giovanni; è ancora lei che scopre il Sepolcro vuoto: forse, insieme a Maria SS. è la sola a credere nella Sua resurrezione, quando il Maestro muore sul Golgota. La Maddalena è una donna, nel pensiero del tempo non conta nulla, ed è anche per questo che non viene creduta quando riferisce di aver visto il Risorto. Pietro addirittura ritiene che ella sia ubriaca: chi darebbe credito ad una notizia così sconvolgente, per di più annunciata da una donna? Chi dà importanza alle donne? Uno solo: Gesù. 

Lui guarda al di là del tempo e dello spazio, non si preoccupa dell'opinione corrente; Lui sa che non vi è differenza tra uomo e donna, nati insieme nel Disegno di Dio: "E Dio creò l'uomo, maschio e femmina lo creò", Lui sa che alle donne spetterà di mantenere viva la fiaccola della fede nei momenti più bui della vita della Chiesa, nei momenti di più arido materialismo, quando sembra che la Sua stessa domanda: "Quando tornerò, troverò ancora la fede sulla terra?" sia destinata ad avere "no" per risposta!

La peccatrice, chiunque essa sia, e a maggior gloria di Maria Maddalena se si trattasse di lei, è un gioiello incastonato nelle Sacre Scritture. E' una donna carica di peccati: Simone resta scandalizzato dal fatto che Gesù si lasci avvicinare da una donna del genere, e comincia a dubitare di Lui. "Se fosse un profeta", pensa, "saprebbe chi è questa donna".  Ma Gesù lo sa, chi è quella donna, e sa anche cosa sta pensando Simone... Lo inchioda con una domanda dalla risposta obbligata! E conferma, ancora una volta, che a Lui interessa solo quello che abbiamo nel cuore... Non quel che siamo stati prima di incontrarlo. La peccatrice non sa chi è Gesù: è il suo cuore che lo riconosce, è il suo cuore che si riempie d'amore, che scaccia da sè il peccato per riempirsi solo di Dio! Le sue lacrime rivelano il cambiamento radicale che è avvenuto in lei; i suoi capelli, usati come uno straccio, mostrano l'umiltà di chi vuole essere serva del più buono dei padroni. Gesù legge tutto, nel cuore di questa donna. E le perdona tutti i peccati, perché molto ha amato. Ricordiamolo sempre, perché questo è il metro di giudizio che adotterà anche per noi.